A Conversation with Artist Simone Chelini // Una Conversazione con L’Artistia Simone Chelini

The language of art is universal and unlimited. My Italian language skills, however, are not. Estremamente. For this interview, you will find below the text in English and Italian. Please forgive any errors. I’m trying and learning, always. And, I welcome any comments and feedback on the translation!

A few years ago, while beginning our home search and exploring different neighborhoods in Lucca, we rented a lovely apartment on the city’s eastern edge. I was wandering along that street Via della Zecca one afternoon when I noticed large, evocative eyes staring from a window. The woman’s smile was cocked to one side, like she was listening to a wickedly good story. I was immediately drawn to that window; and, that’s how I met Simone Chelini. 

His small gallery Mo’Room, I soon discovered, was a natural embodiment of the neighborhood’s vibe: unpretentious and real, yet immensely cool and creative. Chelini’s paintings on wood – including the window display featuring the woman with the crooked smile – were showcased alongside work of local sculptors and paper artists. The gallery added to my (increasingly-long) list of reasons to choose the artsy eastside as home.

Artist: Simone Chelini

So, in mid-2020, when I read a Facebook post from the artist about closing that lovely space, permanently, I knew it was a sad day for his patrons and for the neighborhood. Our communities are a hundred times more vibrant and interesting when artists like Chelini can follow their dreams and create spaces to manifest and showcase their work. Times are tough, all around, there’s no question. Our lives will look very different “post” pandemic, as will our streets and our neighborhoods. It’s my hope – and, I bet it’s yours, too – that our art and artists play a meaningful role in that new landscape.

Here’s a bit of my conversation with the artist about his work and hopes for the future: 

Jess: First, will you provide us a bit of background…Are you from Lucca? If not, how long have you lived here? 

Simone: I was born in Barga in a cold February 1971 and raised in Segromigno in Monte, a few kilometers from Lucca. I graduated from the Liceo Linguistico in Lucca and my first significant experience was eight months of study and work in London.

Later I was a waiter, gardener, driver, then a shoe dealer since 2001. In 2009, I gave up everything to follow my passions: painting and music. I started exhibiting my works in various craft markets until I decided to open my gallery in 2016.

Jess: Let’s talk about this crazy and uncertain year, living and making art during a global pandemic. How has your life changed since last March? 

Simone: Everything since last March has obviously changed, at least for me and my partner; my gallery was closed for two months due to lockdown and she too, working in a B&B, was forced to stay at home. They were not moments without fear and bewilderment, however, after the first few days suspended and strange, I had more time available to create and less social obligations and distractions. I paint on a small terrace between the roofs of Lucca, an already evocative space with a view of the sky.

Jess: You and I first met in your lovely art gallery Mo’Room on Via della Zecca in Lucca. Will you share a bit about your decision to close the gallery and how it has impacted your work?

Artist: Simone Chelini

Simone: I decided to close the gallery in June 2020 and I’m glad I did it right away., Otherwise I would now find myself in a very difficult financial situation as my main customers were tourists and foreign tourists in particular, who disappeared due to the pandemic.

Lucca, a city with a tourist vocation, and the whole of Italy, suffered heavily from this situation. I had to arrange and reinvent myself, first as a grape harvester and then as an agricultural worker. Hard work, but in the open air!

Jess: Has the subject or style of your work, or possibly your approach, changed during these changing times?  

Simone: It is difficult to say if my approach and my style have changed, I am experimenting with new techniques, for example carving, combining painting with sculpture, painting on new surfaces, metal supports, as well as continuing with drawings on paper and materials of recovery. Here, I could say that this difficult period has enriched me artistically.

Artist: Simone Chelini


Jess: How would you describe the artistic community in Lucca? What are the biggest challenges for artists like yourself given current circumstances?

Simone: The artistic community of Lucca is quite provincial, it is a small scene, more than anything else it deals with artists who dedicate themselves to the figurative, with a few exceptions. A novelty is represented by the Nuova Luce Collective to which I strongly adhere because they are 4 different artists, united by the common idea of recovery and reuse for artistic purposes. Our goal is to be able to have our own space soon in Lucca. We are working in this direction.

Jess: Regarding self-care, what tricks and/or tips have you learned during lockdown to keep yourself in a positive mindset?

Simone: Finding myself in front of a virgin canvas or a piece of wood to carve and work are situations of pleasure and positivity and I would not want to repeat myself, but for an artist it was an important time to reflect, analyze, produce, a unique opportunity in its own right.

Jess: How has this strange time impacted the way you relate to your community? Have you connected more (or perhaps less) with neighbors? Do you feel a sense of the community coming together or have you felt more isolated?

Simone: I define myself as an outsider, both by character and by my self-taught training, so I must say that my relationship within the Lucca community has not changed much; a local environment made up of small groups of friends and acquaintances that hardly they mix, however I have had many certificates of esteem from orphans in Mo’room and that has been very gratifying.

Artist: Simone Chelini

Jess: As we look to life in a few months post-lockdown – we hope! – what do you most look forward to experiencing again and what are your hopes for our collective post-lockdown renaissance?

Simone: I can’t wait to be able to participate again in artisan markets or artistic events to get involved again and to breathe an air of rebirth., Yes, we are Italians, used to the crises and inefficiencies of our country, but beauty surrounds us and spring is upon us. I remain confident.

Jess: How can our community better support and encourage local artists? And, where can we find and buy your work?

Simone: The expat community can contribute a lot to the local art scene because it has new eyes and can judge works and artists without preconceptions. Some of my works are exhibited at the Osteria dello Stellario in Piazza San Francesco and are visible on my Facebook page and Instagram: Simone Chelini Dipintore.

Facebook: Simone Chelini Dipintore
Instagram: Simone Chelini Dipintore

Artist: Simone Chelini



Una conversazione con l’artista Simone Chelini

Il linguaggio dell’arte è universale e illimitato. Le mie capacità di lingua italiana, tuttavia, non lo sono. Estremamente. Per questa intervista troverete di seguito il testo in inglese e italiano. Si prega di perdonare eventuali errori. Sto provando e imparando, sempre.

Alcuni anni fa, mentre iniziavamo la nostra ricerca di una casa ed esploravamo diversi quartieri di Lucca, abbiamo affittato un appartamento l’Est della città. Un pomeriggio vagavo per quella Via della Zecca quando ho notato occhi grandi che fissavano da una finestra. Il sorriso della donna era piegato da un lato, come se stesse ascoltando una bella storia malvagia. Sono stato immediatamente attratto da quella finestra; ed è così che ho conosciuto Simone Chelini.

La sua piccola galleria Mo’Room, scoprii presto, era una naturale incarnazione dell’atmosfera del quartiere: senza pretese e reale, ma immensamente creativa. I dipinti di Chelini su legno, inclusa la vetrina con la donna dal sorriso storto, sono stati esposti insieme al lavoro di scultori locali e artisti della carta. La galleria si è aggiunta al mio (sempre più lungo) elenco di motivi per scegliere il lato est artistico come casa.

Quindi, a metà del 2020, quando ho letto un post su Facebook dell’artista sulla chiusura di quel bello spazio, in modo permanente, sapevo che era un giornata triste per i suoi avventori e per il vicinato. Le nostre comunità sono cento volte più vivaci e interessanti quando artisti come Chelini possono seguire i loro sogni e creare spazi per manifestare e mostrare il loro lavoro.

I tempi sono duri, tutt’intorno, non ci sono dubbi. Le nostre vite appariranno molto diverse dopo una pandemia, così come le nostre strade e i nostri quartieri. La mia speranza – e, scommetto che è anche la tua – è che la nostra arte e i nostri artisti svolgano un ruolo significativo in quel nuovo paesaggio.

Ecco un po ‘della mia conversazione con l’artista sul suo lavoro e sulle speranze per il futuro:

Jess: Innanzitutto, Sei di Lucca? Se no, da quanto tempo vivi qui?

Simone: Sono nato a Barga in un gelido febbraio del 1971 e cresciuto a Segromigno in Monte, a pochi chilometri da Lucca. Mi sono diplomato al Liceo Linguistico lucchese e la mia prima esperienza significativa sono stati otto mesi di studio e lavoro a Londra.

Successivamente sono stato cameriere, giardiniere, driver, poi, commerciante di calzature dal 2001. Nel 2009 ho mollato tutto per seguire le mie passioni: la pittura e la musica. Ho iniziato ad esporre le mie opere nei vari mercatini artigianali finchè ho deciso di aprire nel 2016 la mia galleria.

Artist: Simone Chelini


Jess: Parliamo di questo anno incerto, vivere e fare arte durante una pandemia globale. Come è cambiata la tua vita dallo scorso marzo?

Simone: Tutto dallo scorso marzo è ovviamente cambiato, almeno per me e la mia compagna; la mia galleria è rimasta chiusa per due mesi causa lockdown e anche lei lavorando in un b&b è stata costretta a casa. Non sono stati momenti privi di paura e smarrimento però, dopo i primi giorni sospesi e strani, ho avuto più tempo a disposizione per creare e meno obblighi sociali e distrazioni. Dipingo in un piccolo terrazzo tra i tetti lucchesi,spazio già evocativo con vista cielo.

Jess: Io e te ci siamo incontrati per la prima volta nella tua bella galleria d’arte Mo’Room in Via della Zecca a Lucca. Quando e perché hai deciso di chiudere la galleria? Che effetto ha questa decisione sul tuo lavoro oggi?

Simone: Ho deciso di chiudere la galleria a giugno del 2020 e sono contento di averlo fatto da subito. Altrimenti ora mi troverei in una situazione finanziaria molto difficile visto che i miei clienti principali erano turisti e turisti stranieri in particolare, scomparsi causa pandemia.

Lucca, città a vocazione turistica,, e l’Italia intera, ha subito pesantemente questa situazione. Mi sono dovuto arrangiare e reinventarmi, prima come vendemmiatore poi come operaio agricolo. Lavoro duro,ma all’aria aperta!

Artist: Simone Chelini

Jess: Il soggetto o lo stile del tuo lavoro, o forse il tuo approccio, è cambiato durante questi tempi che cambiano?

Simone: Difficile dire se il mio approccio e il mio stile sono cambiati, sto sperimentando nuove tecniche, ad esempio l’intaglio, unire la pittura alla scultura, dipingere su superfici inedite, supporti metallici, oltre a continuare con disegni su carta e materiali di recupero. Ecco, potrei dire che questo periodo difficile mi ha artisticamente arricchito.

Jess: Come descriveresti la comunità artistica lucchese? Quali sono le maggiori sfide per artisti come te date le circostanze attuali?

Simone: La comunità artistica lucchese è abbastanza provinciale, è una scena ristretta, più che altro si tratta di artisti che si dedicano al figurativo,tranne poche eccezioni. Una novità è rappresentata dal collettivo Nuova Luce a cui aderisco con forza perchè trattasi di 4 artisti diversi tra loro, uniti dall’idea comune del recupero e riuso a fini artistici. Il nostro obbiettivo è riuscire ad avere uno spazio nostro prossimamente a Lucca. Stiamo lavorando in questa direzione.

Jess: Per quanto riguarda la cura di sé, quali trucchi e / o suggerimenti hai imparato durante il blocco per mantenerti in una mentalità positiva?

Simone: Trovarmi di fronte una tela vergine o un pezzo di legno da intagliare e lavorare sono situazioni di piacere e positività e non vorrei ripetermi, ma per un artista è stato un tempo importante per riflettere, analizzare, produrre, un’occasione unica a suo modo.

Jess: In che modo questo strano periodo ha influito sul modo in cui ti relazioni con la tua comunità? Senti la sensazione che la comunità si riunisca o ti sei sentito più isolato?

Simone: Mi definisco un outsider, sia per carattere, sia per la mia formazione da autodidatta, quindi devo dire che il mio rapporto all’interno della comunità lucchese non è cambiato molto; un ambiente locale fatto di piccoli gruppi di amici e conoscenti che difficilmente si mischiano, tuttavia ho avuto molti attestati di stima da persone orfane di Mo’room e ciò è stato molto gratificante.

Artist: Simone Chelini

Jess: Mentre guardiamo alla vita in pochi mesi dopo il blocco, speriamo! – cosa non vedi l’ora di sperimentare di nuovo e quali sono le tue speranze per la nostra rinascita collettiva post-lockdown?

Simone: Non vedo l’ora di poter partecipare di nuovo a mercati artigianali o a eventi artistici per mettermi di nuovo in gioco e per respirare un’aria di rinascita. Siamo italiani, abituati alle crisi e alle inefficenze del nostro. Paese, ma la bellezza ci circonda e la primavera è alle porte. Resto fiducioso.

Jess: Come può la nostra comunità supportare e incoraggiare meglio gli artisti locali? E dove possiamo trovare e acquistare il tuo lavoro?

Simone: La comunità degli expats può contribuire molto alla scena artistica locale perchè ha occhi nuovi e può giudicare senza preconcetti le opere e gli artisti .Alcune mie opere sono esposte all’Osteria dello Stellario in Piazza S.Francesco e sono visibili nella mia pagina Facebook e Instagram: Simone Chelini Dipintore.

Facebook: Simone Chelini Dipintore
Instagram: Simone Chelini Dipintore


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s